Image default
News Tech

Tecnologia non è solo dispositivi….

Oltre la tecnologia....
Facciamo un buon uso della tecnologia e la nostra vita migliorerà; facciamone uno cattivo ed essa peggiorerà. Oltre ogni nostra previsione.

Dall’altro lato della tecnologia….

In un altro articolo avevamo parlato di alcuni criteri da usare per scegliere un dispositivo informatico per usi personali. Questa volta parliamo dei rapporti tra la tecnologia e la professione o il lavoro. Nel seguito si supporrà che possiate scegliere o cercare di ottenere gli strumenti con cui lavorare. In caso contrario l’unica cosa che si può fare è abbozzare e cercare di limitare i danni….
In omaggio al blog che ci ospita, si parlerà di tecnologia informatica ma quanto detto potrà essere applicato a qualsiasi settore professionale e lavorativo. Nelle righe che seguono supporremo, per semplificare le cose, che dovete presentare voi stessi o qualche novità legata a Windows, Android, iOS / MacOS. Linux o Unix e gli altri sistemi operativi sono mondi a sé e presuppongono conoscenze non sempre alla portata di tutti.

Cominciamo….

Siete riusciti ad ottenere un colloquio con qualche decisore e avete cominciato a raccontare le vostre cose. Mentre parlate e spiegate perchè siete lì e per  quale ragione la vostra presenza potrebbe tornare utile a lui e alla sua azienda, evitate di armeggiare con i vostri dispositivi se non fa parte della presentazione in corso. Non fa buona impressione ai vostri interlocutori.
In particolare, se intendete proporre prodotti Microsoft ricordatevi, prima di contattarli, di accertarvi se il vostro interlocutore  e la sua azienda ne hanno già o se li usano per mangiare tutti i giorni…. In caso contrario sappiate che nell’ambiente i suoi prodotti non hanno una grande fama di affidabilità e qualità. Soprattutto se sono stati appena proposti al mercato e c’è la possibilità che qualcosa vada storto. Se non siete dei consulenti più che abili o non avete previsto un piano B e, magari, pure uno C per le emergenze, potreste essere oggetto di ostilità crescente da parte dell’oramai vostro ex potenziale cliente e invitato a non fare perdere a lui e all’azienda altro tempo. Di solito, comunque, ci sono dei segnali premonitori che annunciano questo invito. Se li percepite in tempo, usate i piani B o C ed eclissatevi. Prima che finisca male.
Nell’altro estremo, c’è Apple che di solito fa buona impressione. Se si è dei bravi consulenti, dei professionisti seri e preparati, i vostri interlocutori se ne accorgono e di solito sono molto più disponibili nei vostri confronti. Non provate nemmeno a barare o a raccontare delle frottole. C’è sempre la possibilità che se ne accorgano e la prendano talmente male da suggerirvi caldamente di cambiare mestiere se volete arrivare alla fine del mese, tutti i mesi.
A metà strada ci sono i dispositivi Android. Sotto certi aspetti non hanno una buona fama (malware, hackers e simili) ma se il vostro interlocutore nota la vostra abilità nell’usarli, forse avete qualche possibilità di concludere qualcosa senza screditarvi troppo….

Oltre la tecnologia….

I criteri di scelta del dispositivo sono molto simili a quelli già descritti nell’altro articolo su questo argomento. Suggerisco di leggerlo prima di proseguire nella lettura di queste righe. Ricordatevi che se usate professionalmente qualche dispositivo potete noleggiarlo, affittarlo, farne un leasing o altre cose del genere. Ma non comprarlo. Potreste non riuscire più a liberarvene.
Se noleggiate il vostro dispositivo avete qualche possibilità in più, professionalmente parlando perchè alla fine del contratto potrete tenervelo o restituirlo in cambio di uno nuovo. Pagate l’ultima rata e riportate tutto in azienda o la caricate sul contratto successivo e vi portate a casa un dispositivo nuovo. Se volete quantificare la convenienza di questo tipo di uso, verificate se i vostri ricavi sono compresi tra i 5 e i 10 Euro al giorno o poco più. Di solito questa è la cifra da pagare giornalmente per un paio di anni se volete usare in maniera non troppo specialistica ma ugualmente proficua la tecnologia che avete appena deciso di noleggiare.

Ricordate che più il lavoro è specialistico o maggiore è la quantità di dispositivi e tecnologie da usare per il vostro lavoro, la somma da pagare per il leasing (o noleggio, affitto, chiamatelo come volete) e per l’assistenza che vi verrà fornita.
La cifra che dovrete spendere, vi avverto, potrebbe essere molto diversa da quella a cui ho accennato qualche riga più su o a quell’altra da pagare per i dispositivi personali …..
Pensateci prima di fare questo passo. Se è il caso ridimensionate le vostre aspettative e rimandate tutto ad un momento più adatto. Inoltre, in questa chiacchierata, leasing, noleggio, affitto sono stati considerati sinonimi per semplicità. Non sempre è possibile. Informatevi prima di decidere.
Prima di chiudere ricordate che, analogamente a quanto detto nell’altro articolo, la tecnologia, da sola, non può risolvere tutti i problemi. C’è bisogno anche di chi l’ha usa, della sua esperienza e delle sue conoscenze, qualunque sia il suo ruolo in azienda.
Dovete convincervi che siete unici, dovete sapere quello che fate ed essere sicuri della vostra opera e, cosa importante, essere come gli altri potrebbe non essere molto d’aiuto in quello che fate per mangiare tutti i giorni. Differenziatevi per qualche cosa dalla concorrenza. Se non lo fate potete scordarvi di acquisire nuovi clienti. Se fornite loro un buon prodotto, servizio o lavoro, incontrerete molta più disponibilità nei vostri confronti e dovrete fare molto meno marketing per acquisirne altri o conservare quelli che avete già. Non pensate, nemmeno per sbaglio, di avere sempre e comunque ragione e, se esercitate qualche professione o mestiere solo per fare soldi, ricordate che il resto del mondo potrebbe non saperlo o essere interessata a quello che fate.
Se ritenete di fare qualcosa di importante per qualcuno fatelo sapere in giro e prima o poi vi verranno a cercare. Nessuno è obbligato a comprare o usare quanto producete e mettete a disposizione. Ma questa è un’altra storia….

Prima di andar via, se ti siamo stati d'aiuto, che ne dici di lasciarci un like su Facebook? Per noi è importante 🙂

Related posts

Pes 2018: usciti finalmente i requisiti minimi e raccomandati

Simone Rossi

iPhone 6S e 6S Plus data di uscita: annunciato il giorno

Simone Rossi

Prodotti e mode in rete.

Diego De Zan