Image default
Recensioni

Recensione conto Paypal: utilità e affidabilità

Aprirsi un conto Paypal è utile ed affidabile come metodo di pagamento? E’ una domanda abbastanza semplice a cui rispondere, poiché la risposta è relativa, nel senso che dipende da persona a persona.

paypal

Innanzitutto bisogna specificare che è un conto online e quindi bisogna crearsi un account con tanto di username e password.

Avere un conto Paypal è molto utile e veloce poiché i trasferimenti di denaro avvengono tramite i server di Paypal e quindi il pagamento avviene in maniera istantanea. Ad ogni pagamento PayPal si prende una piccola percentuale del denaro che è stato inviato, però questa piccola percentuale di solito la sottrae a chi riceve il denaro (es. se trasferiamo €18, di solito sul conto Paypal di chi riceve i soldi saranno disponibili circa €17). Ovviamente il fattore utilità di un conto Paypal si manifesta solo se si è delle persone che effettuano acquisti online o se di solito effettuano trasferimenti di denaro su conti di altre persone, se invece non si fa uso di trasferimenti online di denaro, il conto Paypal risulta inutile.

Per ricaricare un conto Paypal esistono due modi:

  1. Trasferire soldi sul proprio conto da un altro conto;
  2. Collegare un carta di credito, un conto bancario o una carta prepagata al proprio conto.

Inoltre se si collega una carta prepagata Paypal, il passaggio di denaro tra carta e conto online non ha alcun costo (a differenza delle altre carte o del conto bancario che per il trasferimento di denaro tra carta e conto online si prendono €1,00 sia per prelevare sia per depositare).

Paypal: tipi di conto e sicurezza

Esistono due tipi di conto Paypal:

Privato-> E’ il solito conto per le persone private, non ha alcun vincolo.

Business-> E’ il conto Paypal per le aziende, ogni account ha il vincolo di fatturare ogni trasferimento di denaro del proprio conto online.

Per quanto riguarda il fattore sicurezza è il top, poiché ogni trasferimento di denaro è tracciabile, inoltre se si è stati truffati e si vogliono i soldi indietro, è possibile richiedere un rimborso, il quale, nel caso in cui non si raggiunge un accordo tra i due utenti, si trasforma in controversia, la quale è gestita dallo staff del sito, il quale richiede delle prove su ciò che è successo e dopo un po’ di giorni, dopo aver valutato con cura la situazione, decide se effettuare il rimborso oppure no.

Se vi è piaciuto l’articolo seguiteci su Facebook,Twitter, Google+ e Youtube.

Prima di andar via, se ti siamo stati d'aiuto, che ne dici di lasciarci un like su Facebook? Per noi è importante 🙂

Related posts

Quaestiones: l’app per gli universitari

Antonio Lanza

GuidaTv: scopri cosa c’è in tv con un semplice tap! [Recensione]

Simone Rossi

Lexar JumpDrive M20i: aumenta la memoria del tuo iPhone

Antonio Lanza