Come creare un nuovo user su Raspberry Pi

0

Usare il Raspberry con l’user di default pi non è sicuramente una scelta sicura, infatti appena acquistato ciò che conviene fare è crearsi un nuovo utente personale eliminando definitivamente l’account di default.

Creare un nuovo utente con Raspbian, sistema operativo più diffuso sui Raspberry, è veramente un’operazione banale, ma ciò che è veramente importante è abilitare il nuovo utente che crei ad utilizzare sudo nei comandi, vediamo insieme come fare.Creare nuovo user su Raspberry Pi

Aggiungi un nuovo utente su Raspberry Pi

  • Apri il terminale e digita sudo adduser antonio (io creo l’utente antonio, tu inserisci il nome che preferisci).
  • Adesso dobbiamo andare a scrivere nel file sudoers che questo nuovo utente ha dei privilegi. Come fare? Innanzitutto scrivi sudo nano /etc/sudoers.
  • Verrà aperto l’editor di testo nano, a questo punto aggiungi la seguente riga nel testo (magari sotto pi ALL….): antonio ALL=(ALL) ALL poi premi CTRL+O per salvare e CTRL+X per chiudere l’editor di testo.sudoers Raspberry Pi
  • Fatto ciò dovresti essere in grado di poter utilizzare sudo, per testare il tutto fai il logout dall’account pi (simbolo mora>Shutdown>Logout) e accedi con il tuo utente appena creato. Apri una finestra di terminale e prova a scrivere per esempio sudo su… se ti viene chiesta la password dell’user vuol dire che è andato tutto a buon fine, altrimenti ricontrolla il file /etc/sudoers per esser sicuro di aver aggiunto correttamente i privilegi dell’utente.

Adesso hai aggiunto correttamente il tutto, se ti interessa eliminare definitivamente l’user pi leggi quest’altra guida.

Per qualsiasi dubbio e/o chiarimento lascia un commento, cercherò di aiutarti con piacere 🙂 .

Lascia una reazione al nostro articolo! 🙂

Dall'età di 14 anni coltivo la passione per la tecnologia. Mi interessano argomenti quali WEB Marketing, Copywriting & SEO. Appassionato Apple, sempre informato sulle ultime novità iOS e OSX e sempre pronto a risolvere i problemi degli utenti della mela.

Share This

Grazie per aver letto il nostro articolo!

Condividilo per supportarci, grazie infinite!